Domande e risposte

È un periodo complesso, quello che stiamo vivendo. Un momento storico che, sempre più fortemente, ci richiama alla nostra presenza. È impossibile sfuggire ormai alla visione dell’orrore perché, vicino o distante che sia, esso ci appartiene. Ci chiama in causa, interroga le nostre coscienze.

Le domande sul significato di quello che ci circonda sono tante, troppe e complesse.

Trovare una risposta è difficile, quasi impossibile, ma è proprio di fronte a questo smarrimento che l’arte, la poesia, la letteratura ci vengono in soccorso, restituendoci un senso. Per questo oggi, nell’augurarvi un sereno week-end, voglio condividere con tutti voi le splendide parole di un grande poeta che ha cantato la bellezza dell’uomo e della libertà, Walt Whitman.


O me, o vita! 
domande come queste mi perseguitano: 
degli infinti cortei 
d'infedeli, 
di città gremite di stolti, 
di me che biasimo sempre me stesso, 
(perché chi più stolto di me, 
chi di me più infedele?) 
di occhi che invano anelano la luce, 
del significato delle cose, 
della lotta che sempre si rinnova, 
degli infelici risultati di tutto, 
delle sordide folle ansimanti 
che vedo attorno a me, 
degli anni inutili e vacui 
degli altri, 
e di me intrecciato con gli altri, 
la domanda, ahimè! così triste, ricorrente – Cosa vi è di buono 
in tutto questo, o me, o vita? 

Risposta: 
Che tu sei qui – 
che la vita esiste, e l'identità. 
Che il potente spettacolo continua,
e tu puoi contribuirvi con un verso. 
O Me! O life! 
of the questions of these recurring,
Of the endless trains 
of the faithless,
of cities fill'd with the foolish,
Of myself forever reproaching myself, 
(for who more foolish than I,
and who more faithless?)
Of eyes that vainly crave the light, 
of the objects mean,
of the struggle ever renew'd,
Of the poor results of all,
of the plodding and sordid crowds
I see around me,
Of the empty and useless years
of the rest,
with the rest me intertwined,
the question, O me! so sad, 
recurring –­ What good amid these,
O me, O life?

Answer:
That you are here – 
that life exists and identity,
That the powerful play goes on,
and you may contribute a verse.

Photo by Duy Pham

Pubblicato da ilblogdimyriamdeluca

Sono Myriam De Luca, nasco a Palermo dove vivo e opero. Tre parole bastano per presentarmi e rappresentarmi: Donna, Amore, Scrittura. La ricerca della bellezza, attraverso l’arte in ogni sua forma, è parte fondamentale della mia vita. Seguitemi in questo blog per scoprire il mio mondo, miei libri, la mia anima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: